Indebitamento finanziario netto

L’indebitamento finanziario netto della Società (4.203,8 milioni di euro) alla data del 31 dicembre 2010 risulta così composto:

Valori in Mln/euro
31.12.2010
31.12.2009
Variazione
A. Indebitamento a medio e lungo termine


Prestito obbligazionario (1) 2.728,2 2.643,5 84,7
Finanziamenti a tasso variabile (1) 2.419,3 1.555,7 863,6
Strumenti finanziari derivati (2) -153,2 -40,6 -112,6
Finanziamento verso TELAT (3) -500,0 -500,0 0,0
Totale A 4.494,3 3.658,6 835,7
B. Indebitamento (disponibilità) a breve:


Finanziamenti a tasso variabile (quote correnti) (4)
59,7 59,7 0,0
Finanziamenti a breve termine 73,1 40,0 33,1
Titoli a breve termine 0,0 -500,0 500,0
Posizione netta del c/c di tesoreria intersocietario (5)
-18,6 2,7 -21,3
Disponibilità liquide (5) -150,1 -0,1 -150,0
Totale B -35,9 -397,7 361,8
Totale indebitamento finanziario delle attività continuative 4.458,4 3.260,9 1.197,5
Totale indebitamento finanziario delle attività destinate alla vendita -254,6 0,0 -254,6
Totale 4.203,8 3.260,9 942,9
Nel prospetto contabile della Situazione patrimoniale-finanziaria:
(1) il saldo corrisponde alla voce “Finanziamenti a lungo termine”;
(2) il saldo corrisponde alla voce “Passività finanziarie non correnti” e alla voce “Attività finanziarie non correnti” per il valore dei derivati di FVH (200,3 milioni di euro);
(3) il saldo è incluso nella voce “Attività finanziarie non correnti”;
(4) il saldo corrisponde alla voce “Quote correnti dei finanziamenti a lungo termine”;
(5) il saldo è incluso nella voce “Disponibilità liquide e mezzi equivalenti”.

 

L’indebitamento finanziario netto registra un incremento di 942,9 milioni di euro. Tale variazione netta è dovuta principalmente a:

  • incremento del fair value dei prestiti obbligazionari (84,7 milioni di euro);
  • incremento dei finanziamenti a tasso variabile per 863,6 milioni di euro essenzialmente per l’utilizzo nel mese di settembre della revolving credit facility del 2006 (550 milioni di euro) e per l’erogazione di nuovi finanziamenti dalla Banca Europea per gli Investimenti (complessivamente pari a 373 milioni di euro); la variazione risente altresì del rimborso delle quote in scadenza dei finanziamenti in essere (59,7 milioni di euro);
  • incremento del saldo netto attivo (+112,6 milioni di euro) riferito agli strumenti derivati, in particolare per:
    • variazione dei derivati di copertura (fair value hedge) dei prestiti obbligazionari per 77,1 milioni di euro, imputabile essenzialmente al decremento dei tassi di interesse verificatosi nel corso del 2010;
    • diminuzione dei derivati di cash flow hedge a copertura dell’indebitamento a tasso variabile per 35,5 milioni di euro;
  • accensione di un finanziamento a breve termine per 50 milioni di euro e minor utilizzo netto dell’elasticità di cassa (-16,9 milioni di euro);
  • realizzo dell’investimento effettuato nel 2009 nei titoli a breve termine (500 milioni di euro) emessi da UBS e MPS;
  • variazione per -21,3 milioni di euro della posizione netta del c/c intersocietario intrattenuto, nell’ambito della gestione accentrata di tesoreria, con le controllate TELAT, SunTergrid e RTS;
  • incremento delle disponibilità liquide della Società per 150,0 milioni di euro.

L’indebitamento delle attività destinate alla vendita, pari a -254,6 milioni di euro, è rappresentata dal finanziamento attivo di Terna verso RTR (500 milioni di euro) erogato nel corso dell’esercizio al netto della posizione passiva del c/c di tesoreria (245,4 milioni di euro).