Messaggio del Presidente

luigi_roth.jpg

Cari Azionisti e stakeholder Terna,


Il 2010 per Terna è stato l’anno di maggiore accelerazione per lo  sviluppo della rete, con oltre 1.000 km di nuovi elettrodotti e 48 nuove stazioni a fronte di investimenti complessivi per 1.161,7 milioni di euro. Grazie a questi interventi, Terna ha anche fornito impulso all’occupazione e alla crescita in una fase di difficoltà per l’economia italiana. Nel 2010, solo nei cantieri di Terna, hanno lavorato migliaia di persone, senza contare le attività indotte dagli acquisti di beni e altri servizi.L’incremento nello sviluppo della rete ha positive ricadute per la collettività non solo perché migliora l’efficienza e la sicurezza del sistema elettrico ma anche perché il beneficio economico collettivo che genera, in termini di riduzioni della bolletta elettrica nazionale, è superiore all’investimento. E, anche, positive ricadute in tema ambientale, come la riduzione delle emissioni di CO2 dovuta al contenimento delle perdite e agli assetti produttivi più efficienti, e alla connessione di impianti di produzione da fonte rinnovabile.


Negli anni passati, e ancora più fortemente in questo esercizio, l’impegno di Terna è stato rivolto alla creazione di valore e di fiducia per gli azionisti e per tutti gli stakeholder. Crediamo di essere riusciti nel nostro obiettivo, integrando la nostra attività principale – il trasporto dell’energia – con il rispetto dell’ambiente e del territorio e con l’interesse della collettività.
E non è cosa nuova: è dal 2002 che abbiamo sperimentato come lo sviluppo sostenibile della rete elettrica passi attraverso la condivisione dei progetti con il territorio. Negli ultimi anni questo approccio è stato esteso per ricercare il confronto anche con le principali associazioni ambientaliste.
La visione di una rete elettrica sostenibile si focalizza anche sul traliccio, l’elemento più caratterizzante in termini di impatto sull’ambiente, attraverso la ricerca di soluzioni che lo considerino anche nella sua dimensione estetica. I sostegni progettati da Sir Norman Foster sono già installati lungo la linea “Tavarnuzze-Santa Barbara” e visibili sotto lo svincolo autostradale di Scandicci (FI), mentre per i nuovi tralicci disegnati dall’architetto Hugh Dutton dello studio Rosental – vincitore del concorso internazionale concluso nel 2009 – il 2010 ha visto l’avvio del processo di ingegnerizzazione.


Rimarcando i successi di Terna non possiamo dimenticare il ruolo cruciale delle risorse umane nelle nostre attività. Nelle persone, infatti, vivono le competenze tecniche distintive che consentono a Terna di svolgere al meglio il proprio compito di interesse nazionale. L’attenzione al rinnovamento di queste competenze – e alla loro formazione continua - è un elemento fondamentale per la  valorizzazione delle risorse umane, così come lo sono l’attenzione per la sicurezza sul lavoro, richiesta da attività operative connotate da rischi, il lavoro svolto a molti metri di altezza dal suolo e gli interventi di manutenzione su linee in tensione.
Al nostro continuo impegno hanno corrisposto non solo i risultati economici, ma anche quelli di sostenibilità con una costante crescita delle valutazioni nei rating specializzati, l’inclusione nei principali indici borsistici internazionali di sostenibilità e l’apprezzamento degli investitori socialmente responsabili.
C’è un riconoscimento, in particolare, che vorrei citare tra molti, perché riflette il nostro modo di essere: quello di professionisti validi e orgogliosi del proprio lavoro che hanno dato il loro contributo a un’importante iniziativa di solidarietà.

Terna ha vinto il “5° Premio Impresa Ambiente”, promosso dalla CCIAA di Roma e patrocinato dall’UNIDO - United Nations Industrial  Develpoment Organization, nella categoria “Migliore cooperazione per lo sviluppo sostenibile”, con il progetto di elettrificazione di Kami (Bolivia) realizzato da alcuni dipendenti volontari: un’iniziativa internazionale per lo sviluppo di una comunità nella quale le competenze tecniche specifiche di Terna hanno giocato un ruolo determinante.
Competenza tecnica, focalizzazione sui risultati e attenzione alla comunità: nell’equilibrio tra queste componenti sta il nostro modo di creare valore. Se Terna è tra i primi operatori di rete del mondo, è anche per questo.



Il Presidente
LUIGI ROTH
firma_presidente.jpg