La sicurezza del sistema elettrico

La tecnologia al servizio del sistema: efficienza e minori costi sistema elettrico

Il Centro Nazionale di Controllo di Terna, alle porte di Roma, è il fulcro del sistema elettrico nazionale. È qui che viene controllata in modo capillare l’intera rete di trasmissione elettrica del Paese. Sofisticati sistemi di monitoraggio e gestione permettono a Terna di controllare, istante per istante, l’energia prodotta in Italia o importata dall’estero e di gestire in sicurezza i flussi di energia. L’energia elettrica non si può infatti immagazzinare: per questo l’attività di “dispacciamento”
dell’energia dalle centrali di produzione ai luoghi di consumo si svolge a ritmo continuo e costante, 24 ore su 24, per un flusso di circa 326 miliardi di kWh l’anno.

Tramite il SOC Security Operations Center, sito ad alta tecnologia progettato e realizzato da Terna, la Società è anche in grado di prevenire, fronteggiare e gestire le situazioni critiche in tempo reale. Il sistema elettrico è una macchina complessa gestita utilizzando tecnologie innovative per migliorare la sicurezza e l’efficienza dell’approvvigionamento dei servizi di dispacciamento. Il programma di innovazione realizzato e la ricerca continua di nuove soluzioni, hanno contribuito a far  raggiungere livelli di qualità  eccellente del servizio elettrico italiano e una riduzione strutturale del costo dei servizi di dispacciamento. Le aree di innovazione includono l’utilizzo di complesse tecnologie ICT (Information and  Communication Technologies) per la difesa dell’integrità del sistema elettrico nazionale, le valutazioni di sicurezza e il bilanciamento del fabbisogno oltre a modelli di previsione a medio termine per l’ottimizzazione dei programmi di manutenzione degli elementi di rete con particolare attenzione alla riduzione dell’impatto delle  indisponibilità di tali elementi sulla produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili non programmabili.
L’elevata efficienza raggiunta nel 2010 nelle attività di dispacciamento è testimoniata dall’importante riduzione dei volumi di energia  approvvigionata sul mercato dei servizi di dispacciamento, sia con riferimento al 2008 (-57%) sia con riferimento al 2009 (-40%). Tali risultati hanno portato negli ultimi due anni a elevati benefici per il sistema che si sono tradotti anche in una riduzione degli oneri di dispacciamento (c.d. uplift) dell’ordine di 1 miliardo di euro su base annuale confrontando il 2009/2010 con il 2008.

La rilevanza del valore generato da Terna per il sistema trova riscontro anche da parte dell’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas attraverso i meccanismi di  incentivazione legati alle attività di approvvigionamento delle risorse per il dispacciamento e di previsione del fabbisogno e della produzione da fonte eolica, previsti nella Deliberazione n. 351/07 del 29 dicembre 2007. I risultati ottenuti sull’incentivazione, superiori ai target sempre più sfidanti fissati dall’Autorità, costituiscono ulteriore testimonianza del forte impegno da parte della Società al miglioramento continuo dei pur elevati standard di gestione del sistema elettrico già raggiunti.
Nell’ottica del mantenimento di tale impegno, Terna continuerà nei prossimi anni a investire risorse per il conseguimento dei benefici derivanti dal completamento di importanti iniziative progettuali e per lo sviluppo di nuove iniziative allo studio.